Robin Gibb (22 dicembre 1949 – 20 maggio 2012)

Non precisamente uno dei miei gruppi preferiti di ogni epoca i Bee Gees. Però “Odessa” resta un gran bell’album. Però “Saturday Night Fever” rimane uno dei piaceri colpevoli più deliziosi cui arrendersi. E il giro di basso di Stayin’ Alive uno dei tre o quattro più memorabili di sempre, di chiunque.

3 commenti

Archiviato in coccodrilli, video

3 risposte a “Robin Gibb (22 dicembre 1949 – 20 maggio 2012)

  1. alfonso

    Domando scusa se riciclo questo vecchio post, però non sapevo dove chiedere lumi per approfondire la recente scoperta dei Bee gees giovani, meno irsuti e falsettanti di quelli dell’era disco e a mio modesto avviso sottovalutati. No perché nei primi loro lavori fino al “doppio rosso” ho scoperto plagi dei Rolling stones pop di Between the buttons, pezzi che avrebbero ingrassato benissimo la tracklist di Magical mystery tour, richiami di Simon and Garfunkel (ny mining disastrer 1941), un generale senso di tensione magniloquente e irrisolta alla walker Brothers. E poi dopo il Bolero di Want one e l’Agnus Dei di Want two come si sarebbe aperto bene un ipotetico Want three di Rufus con Odessa! Ho esagerato forse, ma non è che magari al VMO capiterà di affrontare gli esordi dei fratelli Gibbs con la competenza e la serietà che a me mancano?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.