Velvet Gallery (30)

Un articolo scritto quando ancora non potevo sapere che il 1991 sarebbe stato l’anno dei Red Hot Chili Peppers  almeno quanto dei Massive Attack, dei Primal Scream, dei Nirvana, dei My Bloody Valentine, degli Slint. Al botteghino, solo  “Nevermind” sopravanzerà “Blood Sugar Sex Magik”.

Funk-metal - Un magnifico casino 1

Funk-metal - Un magnifico casino 2

Funk-metal - Un magnifico casino 3

10 commenti

Archiviato in archivi

10 risposte a “Velvet Gallery (30)

  1. Pino

    un pezzo che aspettavo da un po’… i Faith no More sono il mio gruppo della vita!

  2. Nicholas

    Eddy mi sono spesso chiesto qual è l’opinione media della critica sugli Aerosmith, piacciono?

    • La versione hard degli Stones: “Get Your Wings”, “Toys In The Attic”, “Rocks” sono classici assoluti. E anche negli ’80 ebbero qualche momento più che discreto.

  3. Roberto

    Quel 1991 fu anche l’anno d’oro dei R.E.M., dei Guns n’ Roses, Pearl Jam, Metallica. Anno irripetibile nella storia del Rock e dintorni.

  4. Ricordo quell’articolo e ricordo di aver pensato che “Three days” non è una sega progressive, ma un gran pezzo progressive 🙂

  5. Orgio

    Ok che erano mainstream, ma perché non menzionare gli Extreme e l’eccezionale “Pornograffiti”? Per il resto niente da dire.

  6. fran cost

    Bellissimo articolo, Stevie Salas, Psychefunkapus, Lock up grandi dischi dimenticati (UDS, Jane’s etc… hanno avuto il loro successo, vabè I RHCP pure troppo).
    Limbomaniacs e Mind Funk per me facevano abbastanza pena.

    • Orgio

      Tra l’altro, chitarrista dei Lock Up era un certo Tom Morello…

      • fran cost

        si, si Tom Morello e si sente.

        p.s. eddy se permetti a questa lista, aggiungerei gli FFF di Blast culture, esordio fulminante di crossover funk-metal-reggae-ragamuffin ecc… di eccelsa qualità (Bill Laswell in cabina di regia, George Clinton benedicente).
        per me il più riuscito crossover realizzato allora.

      • L’articolo è dell’aprile 1991 (scritto in marzo, ovviamente). “Blast Culture” (che nel suo ambito è un signor disco) usciva in quello stesso anno ma a settembre. E, per quel che ricordo, in Italia arrivò qualche mese dopo ancora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...