Velvet Gallery (31)

L’album che fece definitivamente enormi i R.E.M. analizzato in diretta. Con a corredo una carrellata sulla produzione precedente commentata dalla band stessa e una selezione di dischi chiaramente influenzati dai Georgiani.

REM 01

REM 02

REM 03

REM 04

4 commenti

Archiviato in archivi

4 risposte a “Velvet Gallery (31)

  1. Gian Luigi Bona

    Il primo disco dei REM che ho comperato è stato “Out Of Time”. Anche se ne avevo sentito parlare di loro da “Murmur”.
    Ho comperato “Out Of Time” perché mi piaceva il singolo “Shiny Happy People”
    Ecco, ho confessato.
    Potete lapidarmi !

    • andreapeviani

      E’ un periodo di continue confessioni e revisioni storico-critiche… Il mio primo Rem e’ Lifes rich pageant, ma non ho mai disprezzato Shiny Happy people. A me sembra evidente il gusto dei Rem per il pop dei ’60s, anche quello più leggero. E dentro Out of time ci stava benissimo.

      • Gian Luigi Bona

        Non era una confessione, è soltanto che mi fanno ridere quelli che quando dicono che amano i REM si affrettano a precisare che li seguivano da prima di Shiny Happy People !!!

  2. giannig77

    amo I REM e li ho apprezzati anche nel momento dell’elegante uscita di scena, avvenuta con coerenza, in quanto hanno sempre asserito che una volta spenta la miccia non avrebbero fatto circo (buck dixit).
    Li ho scoperti con Green, avevo 12 anni ma mio zio era un fan della primissima ora (così come degli Smiths, quasi dei corrispetivi inglesi all’epoca.. e infatti mi fece amare anche quelli). Poi 3 anni dopo, in piena adolescenza definitivamente entrai nel mood rem, innamorandomi di out of time, e poi sempre più di automatic (album epocale, il loro migliore), fino a new adventures.. Poi, non per la sorte di Berry, ma mi piacquero meno, pur apprezzando alcune coraggiose scelte.. Up e Reveal comunque, pur essendo molto dimessi, contengono grandi perle semi nascoste, poi dal vivo facevano sempre grandi esibizion, ricche di passioni. Con gli anni, grazie anche ai prezzi stracciati di alcune edizioni, recuperai pian piano tutti i cd originali, escluso l’ep cHRONIC TOWN, però conoscevo già gran parte dei pezzi, perchè da anni ascoltavo la raccolta della irs, uscita credo prima di Green, che conteneva 3 pezzi per ogni album da Murmur a Document con la chicca di Boxcars, la scoppiettante canzone dell’ep d’esordio. Un gruppo epocale, passatista all’inizio, con tutti sti richiami irresistibili a Byrds e co e le chitarre rickenbekcr in bella evidenza e poi spostatisi verso altri territori, fino alla forma perfetta di quel pop di classe che è out of time, da cui trassi titolo per una mia trasmissione radiofonica.
    Grazie Eddy per questo “ripescaggio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...