L’orrore! L’orrore! I “Quadri di un’esposizione” secondo EL&P

Non proprio agli albori ma comunque nei primi tempi di quella splendida avventura (per chi ci si impegnò; per la proprietà era un “asset”) che fu “Extra” decidemmo, tanto per divertirci un po’, di compilare una lista dei cento peggiori dischi della storia del rock. Naturalmente pretesi di scrivere io, fra le altre, la scheda di quel singolo album che ci ispirò all’impresa.

Emerson, Lake & Palmer - Pictures At An Exhibition

Che gli Emerson, Lake & Palmer non potessero non figurare in questa lista e in una posizione di tutto riguardo era assolutamente scontato, visto che si può dire che siano stati loro a ispirarci alla dissennata avventura. Il difficile è venuto dopo, quando si è trattato di eleggere un unico titolo a rappresentarli, dacché il direttore non voleva purtroppo derogare alla regola “un solo disco per gruppo o solista” e non si poteva dunque inserirli in ogni fascia, come sarebbe stato giusto e doveroso. Fatto è che tredici dei quattordici album che compongono la loro discografia (la ballata Lucky Man salva il primo e omonimo) potevano legittimamente aspirare a essere indicati fra i venti supremi orrori della storia del rock. Tutti e tredici insieme. Ma bisognava sceglierne uno e la sapete una cosa? Questi tristi figuri hanno fatto ben di peggio di “Pictures At An Exhibition”, con apici inenarrabili in un triplo live insopportabile fin da un chilometrico titolo (“Welcome Back My Friends To The Show That Never Ends, Ladies & Gentlemen… Emerson, Lake & Palmer”) che suonava e suona come una minaccia assai più che una promessa e nei due volumi di “Works”, che con formidabile tempismo vedevano la luce nel 1977, l’anno del punk, e causavano la bancarotta del trio quando decideva di portarli in tour con un’orchestra. Decisione salutata da frizzi e lazzi e arene semideserte, quelle stesse che nella prima metà dei ’70 i tre avevano colmato in ogni ordine di posti con uno spettacolo circense (durante il quale quel fineur di Emerson era uso accoltellare le sue tastiere, o farle esplodere) in cui fra fumi e laser dispensavano la loro greve lettura di spartiti in prevalenza di autori classici.

È perché indicò la paludosa strada che abbiamo optato per “Pictures At An Exhibition”. È perché amiamo particolarmente gli originali Quadri di un’esposizione di Musorgskij e Lo schiaccianoci di Ciaikovskij ed Emerson, Lake & Palmer ci hanno a lungo reso impossibile gustarceli.

Pubblicato per la prima volta su “Extra”, n.9, primavera 2003.

5 commenti

Archiviato in archivi

5 risposte a “L’orrore! L’orrore! I “Quadri di un’esposizione” secondo EL&P

  1. StefanoS

    Quel numero di Extra! (che custodisco gelosamente in una cassetta di sicurezza di una banca svizzera assieme al 45 giri di Ramaya e uno di Nanu Galderisi che celebrava lo scudetto del Verona del 1985) è tra i migliori di sempre!

  2. giorKo

    Proprio ieri ho consigliato al mio amico Max il blog di Eddy. Lui è un fan appassionato di EL&P, Yes, Genesis, etc.
    Penserà che gli ho teso un agguato! Max, se un giorno mai dovessi leggere queste righe, ti giuro che non ne sapevo niente. Per quanto riguarda il mitico numero di Extra ricordo ancora le risate a crepapelle provocate dalla lettura di quelle fantastiche e cattivissime recensioni.

  3. giorKo

    Le ho rilette tutte. 100 recensioni, 100 piccoli capolavori impregnati di ironia e orgogliosa scelta di campo. Mentre lo facevo montava però sempre più un dubbio: oggi quante di quelle mostruosità musicali sarebbero stroncate così brutalmente? A mio parere ben poche! Il mainstream in questi ultimi anni ha vinto, stravinto, e anche le riviste e i blog e i siti più battaglieri possono ben poco per rendere questo strapotere meno disturbante.

  4. Francesco

    concordo con gli amici che hanno già scritto sopra, quel numero di extra fu un vero spasso. la stroncatura dei bee gees epica, ma il podio sempre e comunque va agli elp, che solo a scriverne il nome mi viene l’orticaria. peggio degli yes, il che è tutto dire, almeno dalle mie parti

  5. Antonio

    ….ihihihi!sono tra i miei preferiti di sempre…e Pictures at an exhibition il mio preferito della loro discografia!…com’è bello volersi bene nelle diversità!:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...