I migliori album del 2016 (15): Ryley Walker – Golden Sings That Have Been Sung (Dead Oceans)

ryley-walker-golden-sings-that-have-been-sung

Lo si scrisse di “Fanfare” di Jonathan Wilson: il suo solo vero difetto era l’esser stato preceduto da un abbagliante capolavoro (ormai con il distacco dato dal tempo lo si può dire, sì, come di pochissima altra roba uscita nel secolo nuovo) quale “Gentle Spirit”. Similmente, la fregatura per “Golden Sings That Have Been Sung” è l’avere avuto come predecessore “Primrose Green”. Si era ancora intenti a mandarlo a memoria, districandosi fra trame squisite capaci di intrecciare i Pentangle e Nick Drake, Tim Buckley e Tim Hardin, Davy Graham come Miles Davis, John Martyn e Van Morrison, quando ecco che ci arriva fra capo e collo “il difficile terzo album” (a questo punto, del pur pregiato debutto sulle orme di Fahey “All Kinds Of You” non si ricorda più nessuno). E dopo uno, due, tre pur eccitati ed eccitanti passaggi un’evidenza si appalesa: la magia non è la stessa. E allora per rendere giustizia a “Golden Sings That Have Been Sung” converrà forse fingere. Magari che sia un esordio? In fondo il ventisettenne Ryley per questi tempi nostri che spostano sempre più avanti le età della vita è un imberbe pischello. Per cominciare eventualmente ad ammorbarci con la fine dei suoi vent’anni ha ancora tempo.

Come debutto “Golden Sings…” sarebbe straordinario. Invocherebbe la stessa pletora di superlativi convocata per elogiare “Primrose Green” e anche uno in più: maturo. Perché a bene ascoltare le influenze che avevano plasmato quello sono ancora ben presenti ma un po’ sfumano le une dentro le altre, un po’ vengono retrocesse in secondo piano a favore di una scrittura più personale. La pietra miliare resterà probabilmente quell’altro e tuttavia nella prospettiva di una carriera di lungo corso questo potrebbe risultare più importante. Il primo disco in cui Ryley Walker comincia a non suonare più come una sinossi di tutti i classici che ha ascoltato e a esser se stesso. Bisogna prima o poi assassinarli, i padri.

Advertisements

3 commenti

Archiviato in dischi dell'anno

3 risposte a “I migliori album del 2016 (15): Ryley Walker – Golden Sings That Have Been Sung (Dead Oceans)

  1. ahah, è vera quella cosa dei padri, io prendo The Halfwit In Me. A te quale pezzo piace di più di questo album?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...