Blow Up n.280

Nel numero di “Blow Up” di settembre, freschissimo di arrivo nelle edicole e nelle buche delle lettere degli abbonati, mi sono fatto riservare otto delle complessive 144 pagine per celebrare il genio dei Kaleidoscope, fra i campioni veri della psichedelia britannica probabilmente i più sottovalutati. Il sentito omaggio vede la luce nel primo anniversario (che cade il 21 di questo mese) della scomparsa di Eddy Pumer, che della band fu non solo il chitarrista ma l’autore di tutte le musiche.

3 commenti

Archiviato in riviste

3 risposte a “Blow Up n.280

  1. marktherock

    …anche perché quello sui Kaleidoscope USA – diomio che band, un Altare meriterebbero – era uno dei pezzi forti dei Pikkoli Rinfreski Elettrici…
    Ma ci avevi promesso un bel libriccino, ricordi, radunando e integrando le meraviglie di quella rubrica.
    Io so aspettare

    PS: senza nulla togliere a quelli made in UK, di cui leggeremo avidamente

  2. crstn

    vista la copertina, su prince non hai scritto nulla?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.