Blow Up n.286

È in edicola da martedì della scorsa settimana il numero di marzo di “Blow Up”. In mezzo al tantissimo resto (le solite innumerevoli rubriche, lunghi articoli su Eric Chenaux, Susana Baca, Not Moving, Nick Drake, Lemonheads e l’usuale spropositata quantità di recensioni) si cela (nella corposa sezione riservata a letteratura e cinema) un mio piccolo, piccolissimo, infinitesimale contributo: tremila battute dedicate a quello che fu, nel 1970, il primo romanzo di Gil Scott-Heron, solo oggi infine tradotto in italiano.

Lascia un commento

Archiviato in riviste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.